Cosa intendi per LED?

Cosa intendi per LED?

Cosa intendi per LED?

I diodi a emissione luminosa (LED) sono versatili, efficienti dal punto di vista energetico e durevoli. Per questo motivo stanno guadagnando popolarità tra una varietà di prodotti sul mercato. Potresti chiederti come le luci a LED che vedi nella tua cucina possono essere le stesse luci di quelle che compongono la tua applicazione per il digital Signage. Entrambe le applicazioni sono indicate con “LED” nel titolo, la tecnologia di illuminazione è molto diversa. Ci sono tre tipi principali di LED che vedi nei prodotti commerciali che sono spesso molto confusi:

Retroilluminazione a LED

Nei cosiddetti LED TV (sono display LCD con retroilluminazione a LED), i LED sono utilizzati per illuminare la luce attraverso un display LCD. Cioè, il LED è posto sul retro dello schermo LCD, motivo per cui è chiamato “retroilluminazione”. I pixel sul display LCD non creano o emettono luce – semplicemente modulano o regolano la quantità di luce proveniente dalla retroilluminazione a LED. In queste applicazioni, i LED possono apparire bianchi o forse una combinazione di colori per ottenere una gamma di colori più ampia.

I LED vengono utilizzati anche nei proiettori al posto delle lampade più vecchie. Simile a una retroilluminazione a LED su un display LCD, questi LED per proiettori vengono utilizzati come fonte di luce ad alta intensità (spesso LED rossi, verdi e blu) che vengono quindi modulati da un minuscolo LCD o DMD (dispositivo a specchio digitale) e proiettati attraverso un obiettivo su uno schermo. A volte i LED saranno utilizzati in combinazione con i laser per creare un’illuminazione ancora più brillante.

Illuminazione a LED

I LED sono eccellenti per l’illuminazione architetturale grazie alla loro elevata efficienza e lunga durata, nonché alla mancanza di mercurio dannoso per l’ambiente. Poiché i LED sono piccoli, offrono opportunità di progettazione uniche, motivo per cui è possibile vederli sotto forma di lampadine o apparecchi per applicazioni di illuminazione generale. Questo è il tipo di illuminazione che potremmo usare nelle nostre case e negli uffici. Questi LED sono ottimizzati per il colore bianco naturale e per l’illuminazione diffusa.

Mentre in realtà non esiste un LED “bianco”, i colori dei LED comuni come l’ambra, il rosso, il verde e il blu possono essere coperti con un materiale al fosforo per convertire il colore della luce in bianco. Individualmente, i colori potrebbero essere visti come indicatori luminosi, come il pulsante di accensione sul tuo computer o di un tuo elettrodomestico in cucina.

Display a LED

I display a LED, detti anche “LED di visualizzazione diretta”, iniziano con i singoli LED che formano i pixel del display. Questi possono essere singoli LED rossi, verdi o blu (il più delle volte nei più grandi schermi esterni), oppure possono essere singoli dispositivi con LED rossi, verdi e blu (RGB) integrati in un unico circuito.

I singoli LED vengono quindi collegati a una scheda circuitale che viene in genere denominata “moduli” o “card”. Più moduli vengono assemblati insieme per formare un “cabinet” che costituisce l’elemento base di una grande parete LED.

Tutti i circuiti, per guidare i LED e comunicare con i driver, fanno parte di questi moduli o sono collegati ad essi in qualche modo. Diverse architetture vengono utilizzate in tali sistemi, ma tutte danno luogo a un sistema modulare che può essere assemblato insieme per formare un display completamente scalabile con gli spazi tra gli armadietti nascosti all’interno degli spazi tra i pixel stessi per creare un display senza interruzioni.

Per favorire la confusione nel mercato, nel Nord America e in Asia, la tecnologia è pronunciata come le tre sillabe delle lettere LED “el-ee-dee”. In Europa, la pronunciano “lead”.

Leave a reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *