Led Wall: cos'è, come funziona e quanto può costare

Led Wall: cos'è, come funziona e quanto può costare

Il cosiddetto “muro a Led” rappresenta una delle nuove tendenze in via di sviluppo, durante un’era in cui la tecnologia inizia ad incidere anche nella sfera legata alla comunicazione out of home. Stiamo assistendo, infatti, ad un periodo storico in cui il passaggio dalla staticità della carta stampata alla dinamicità dei display diventa un’azione ormai imprescindibile per tutte le imprese italiane e non solo. I Led Wall rappresentano una soluzione innovativa, originale e dall’elevato impatto visivo proprio per raggiungere questo scopo. Vediamo cos’è nello specifico e quali sono le componenti che caratterizzano questo dispositivo pubblicitario.

Un Led Wall è uno schermo “modulare”, ossia composto da un numero indefinito di moduli (o anche dette mattonelle), avvitati all’interno di una struttura (cabinet). Le giunzioni tra i vari moduli che compongono il Led Wall sono del tutto invisibili ad occhio nudo, dando l’idea di una parete video continua, in grado di ricoprire qualsiasi spazio. Il cabinet può essere predisposto sulla base di qualsiasi dimensione, in modo da rendere il LED Wall del tutto personalizzabile.

Questo dispositivo, caratterizzato da una elevatissima luminosità, rappresenta il prodotto di punta della nuova forma di comunicazione visiva nata con lo sviluppo delle tecnologie digitali. Un maxischermo posizionato all’interno o all’esterno di un punto vendita, è in grado di innalzare l’identità aziendale e migliorare il grado di coinvolgimento dei consumatori.

La versatilità di uno schermo Led rappresenta però la caratteristica più affascinante di questo dispositivo. Se da un lato può essere utilizzato per allestire le vetrine, in modo da catturare l’attenzione dei passanti, dall’altro può essere sfruttato sia per grandi manifestazioni, sia per rappresentare una importante fonte di reddito (nel caso in cui si decida di installarlo in zone ad alto traffico pedonale per poi vendere gli spazi pubblicitari ad imprese terze).

La principale distinzione che dovrà essere presa in esame in questa guida, quindi, consiste in:

  1. Schermi Led da esterno
  2. Schermi Led per vetrine
  3. Ledwall indoor

Schermi Led da esterno

In questo caso ci troviamo nel campo e nel contesto principale dove un Led Wall riesce effettivamente a sprigionare le sue potenzialità e ad risaltare le sue caratteristiche. I maxischermi Led da esterno dispongono di moduli ad alta luminosità che permettono di rendere i contenuti trasmessi sullo schermo ben visibili anche da lunghe distanze e in qualsiasi situazione climatica, caratteristica fondamentale per scopi pubblicitari e non rintracciabile in nessun altro dispositivo. Gli schermi LED da esterno, inoltre, dispongono di una protezione in grado di isolare il dispositivo dagli agenti atmosferici e da temperature troppo rigide o elevate.

La modularità del prodotto, infine, permette di realizzare maxischermi Led di qualsiasi formato e dimensione necessaria a veicolare messaggi pubblicitari ad alto impatto visivo. Per tutte queste ragioni, il Led Wall rappresenta il leader nel settore della comunicazione video out of home. Nel contesto degli schermi led da esterno, è opportuno specificare due diverse finalità:

  1. Led Wall per eventi
  2. Maxischermi pubblicitari

Led Wall per eventi

Per aumentare la spettacolarità di eventi, fiere, concerti e grandi manifestazioni anche in campo sportivo, un maxischermo Led è sicuramente la scelta più idonea e dagli incredibili risvolti positivi in termini di impatto e visibilità. In questo caso siamo nel settore rental che non riguardano le installazioni fisse e che, di conseguenza, prevedono il noleggio di maxischermi esclusivamente per un determinato periodo di tempo. Se ti interessa approfondire l’argomento puoi dare un occhiata a quest’altra guida:

LEGGI ANCHE: Noleggio maxischermo per eventi.

Ledwall outdoor per eventi

Maxischermi pubblicitari

Se il settore rental è già ampiamente diffuso per quanto riguarda la scelta di noleggiare maxischermi a Led, un altro settore probabilmente ancora poco esplorato nel nostro paese riguarda l’ambito pubblicitario.

In questo caso stiamo parlando sia di progetti a breve o medio termine (che possono riguardare installazioni all’interno di metropolitane, stazioni, aeroporti o bordocampo di impianti sportivi che prevedono la concessione dello spazio per un periodo limitato), sia di installazioni fisse su facciate di edifici o comunque in zone ad alto traffico pedonale.

Il vantaggio della progettazione, sviluppo e installazione di un maxischermo pubblicitario in questi contesti ad alto traffico di utenti, rispetto alla classica cartellonistica in formato cartaceo, risiede nella possibilità di vendere gli spazi pubblicitari ad imprese terze e di ottenere una rendita notevolmente superiore rispetto alla forma di comunicazione statica. Oltre agli innegabili vantaggi in termini di visibilità, quindi, il maxischermo pubblicitario dispone di una reddittività di gran lunga superiore rispetto ad un poster cartaceo.

dooh

Schermi Led per vetrine

L’altro ambito di applicazione, ampiamente diffuso e dagli interessanti risvolti positivi per le attività a diretto contatto con il pubblico, riguarda l’allestimento delle vetrine. In questa circostanza, nonostante siano a tutti gli effetti delle installazioni in contesti indoor, nella maggior parte dei casi la scelta ricadrà su Led Wall dalle caratteristiche più propriamente indicate per ambienti outdoor, soprattutto in termini di luminosità del dispositivo.

Questo perché in situazioni in cui la vetrina sia particolarmente esposta ai raggi del sole, optare per schermi indoor con risoluzione più elevata ma con luminosità più ridotta può pregiudicare notevolmente la corretta visibilità dei contenuti multimediali. Per questo motivo, la scelta migliore sarà quella di acquistare uno schermo Led che abbia un perfetto connubio tra luminosità – necessaria per contrastare la luce del sole – e risoluzione delle immagini, per via della possibilità che lo schermo venga visualizzato da distanze ravvicinate.

In linea del tutto teorica, il dispositivo perfetto per questo genere di installazione è il Led Wall p3. Questo prodotto dispone di un pixel pitch (distanza che intercorre tra un pixel e l’altro che definisce il livello di risoluzione) di 3 millimetri e di un livello di luminosità intorno ai 5.000 Nits, valore che permette una perfetta visibilità dei contenuti anche da lunghe distanze e nel caso in cui la vetrina sia sollecitata dai raggi solari.

Vetrine digitali

Led Wall indoor

Qui siamo nell’ambito del puro intrattenimento, dell’informazione sulle ultime novità e del miglioramento dell’estetica di un negozio per finalità legate all’up-selling. I Led Wall indoor dispongono di un pixel pitch molto ridotto che, come anticipato in precendenza, definisce il livello di risoluzione dello schermo Led. La luminosità è notevolmente più contenuta rispetto ai maxischermi pubblicitari o agli schermi led per vetrine per ovvie ragioni legate sostanzialmente all’inutilità di stanziare notevoli risorse economiche per uno schermo da interno che non dovrà avere finalità pubblicitarie.

Led Wall caratteristiche

Per comprendere le caratteristiche di questo dispositivo pubblicitario, è necessario analizzare tutte le sue componenti in modo da avere un quadro d’insieme nel dettaglio. A questo proposito, quindi, andiamo ad analizzare i seguenti concetti:

  • LED;
  • Pixel;
  • Modulo;
  • Cabinet.

Acronimo di “Light Emitting Diode” (diodo ad emissione luminosa), il LED rappresenta un componente in grado di emettere luce monocromatica al passaggio di corrente elettrica. Rispetto ad altre fonti di luce, come le lampade fluorescenti o le lampade ad incandescenza, i LED sono notevolmente più affidabili ed efficienti.

Pixel

Il Pixel corrisponde all’unità più piccola che compone un’immagine o video. Ogni immagine digitale è composta da una determinata quantità di pixel. Le composizioni Pixel più utilizzate sono le seguenti.

  • 1R (1 rosso): comunemente usato in display di animazione grafica, display di informazioni, messaggi in movimento, display di orologio e temperatura;
  • 1R1G (1 rosso, 1 verde): Stessi utilizzi dell’1R. Questo pixel può visualizzare rosso, verde e le loro relative sfumature. Inoltre, può anche visualizzare la combinazione di tonalità di rosso e verde. Ad esempio, il colore giallo si ottiene quando i LED rossi e verdi sono accesi nello stesso preciso momento;
  • 1R1B (1 Rosso, 1 Blu): questa tipologia di pixel, sebbene non sia molto utilizzata, è visto nei segni dei messaggi in movimento. Può visualizzare sfumature di rosso, blu e composizione di questi due colori. Ad esempio, il colore viola si ottiene quando i LED rossi e blu sono accesi nello stesso momento;
  • 1R1G1B (1 rosso, 1 verde, 1 blu): questo è il pixel più piccolo in grado di visualizzare tutti i colori che l’occhio umano può percepire. Composto dai tre colori principali e tutti i colori possono essere raggiunti mescolando le tonalità di questi colori principali. Questo tipo di pixel viene utilizzato principalmente in schermi a LED a colori, display di animazione grafica e display di informazioni;
  • 2R1G1B (2 rosso, 1 verde, 1 blu): questo pixel è costituito da tutti e tre i colori principali e può raggiungere tutti i colori mescolando le loro tonalità. Viene comunemente utilizzato negli schermi a LED per esterni a colori con tecnologia dei pixel virtuali in cui è necessario aumentare la risoluzione dello schermo.

Moduli Led

La parte più piccola che è composta da pixel è chiamata modulo. Un modulo è costituito da pixel, circuiti integrati di guida, circuito stampato, corpo in plastica e maschera di plastica. La qualità di ciascun componente sarà in grado di influenzare notevolmente la qualità dello schermo stesso. Come esistono varie tipologie di pixel, allo stesso modo possiamo annoverare diverse varianti di moduli. Le proprietà che differenziano i moduli sono:

  • Composizione dei pixel;
  • Pixel pitch;
  • Modello Driving IC;
  • Modalità di scansione;
  • Supporto dei pixel virtuali;
  • Tipo di servizio fronte/retro;
  • Tipo pcb doppio/singolo;
  • Cabinet.

Cabinet

Il cabinet rappresenta il blocco principale di un Led Wall, composto a sua volta da una serie di moduli. Un armadio a LED è composto da una cassa in acciaio o alluminio, moduli, alimentatori, ventole, scheda di controllo e cavi di alimentazione e di segnale. Poiché gli armadi sono assemblati a mano, la qualità della lavorazione influisce notevolmente sul risultato finale.

Schermi Led per bordocampo

Ledwall prezzi

Stabilire un range di prezzi per un Led Wall può essere abbastanza fuorviante. Il costo di un maxischermo, infatti, dipende da svariati fattori tra cui il passo, o interasse, che corrisponde alla distanza tra i pixel di cui il maxischermo è composto. Minore sarà il passo, altrettanto minore sarà la distanza tra i pixel e, di conseguenza, maggiore sarà il livello relativo alla risoluzione del dispositivo.

Per completezza d’informazioni, consigliamo di chiedere un preventivo in modo da valutare le singole necessità, tra cui la dimensione del LED Wall, la risoluzione necessaria e il livello di luminosità dello schermo sufficiente ad assicurare una perfetta visibilità anche da lunghe distanze oppure in circostanze di intensa luce solare.

Preventivo Ledwall

    One Comment
    1. Buongiorno vorrei avere un preventivo per avere led wall interno + uno esterno siamo a Novate Milanese
      Via Bovisasca 24
      le lascio il mio contatto telefonico 3921718195
      Mosconi Martino

    Leave a reply

    Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.